chiarimento (di cosimo de matteis)

Ai lettori

Cari amici lettori, “fedeli” o occasionali, scrivo due cosette per assicurare che non frequento da anni altri spazi virtuali e men che meno intervengo in tali spazi. Dico questo perché ho ricevuto, da piu persone, accuse di scrivere cattiverie ed altro. Io sinceramente non so chi sia che scrive usando il mio nome oppure facendo intendere che sono io. Mi spiace, naturalmente, che ciò accada. Mi spiace davvero tanto anche perché, dopo tempo, mi vedo costretto a pensare che davvero qualcuno faccia questo per screditarmi o non so per quali altri motivi. Certo non mi vuole bene! Io posso assicurarvi che scrivo solo qui, in questo mio blog, o in altri spazi “miei”: il mio profilo facebook, i miei gruppi o pagine facebook oppure intervengo in spazi facebook ma sempre col mio profilo (i profili facebook “cronache brindisine” e “forza brindisi” li ho disattivati anche per evitare fraintendimenti. Restano solo le rispettive pagine facebook ma non il profilo). Vi prego di credermi! Non sono immune da difetti, anzi! Ma, vi assicuro: quello che penso lo dico/scrivo in questi spazi. E, come si dice, “ci metto la faccia”. Fuggo l’anonimato che è sempre fastidioso ed antipatico. Vi prego di credermi che non intervengo in altri spazi web. Mi è capitato, fra le altre cose, che un calciatore mi ha scritto accusandomi di scrivere cattiverie. Io son caduto dalle nuvole. E non c’è stato verso: era convinto ed è rimasto convinto. Naturalmente mi dispiace, ma io non so che farci! Se qualcuno usa il mio nome o comunque lascia intendere che sia io a scrivere io non so che posso farci! Io ci tengo ad assicurarvi che quel che ho da dire lo scrivo qui, nei miei blog, o su facebook col mio profilo. Posso rispondere delle mie frasi ma non di altro. Mi dispiace se qualcuno si sta “divertendo” alle mie spalle ma davvero non posso farci niente . Vi prego di credermi.

In tutta sincerità

cosimo de matteis

chiarimento (di cosimo de matteis)ultima modifica: 2013-10-16T13:06:10+00:00da dematteiscosimo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento