Verso il Centenario della nascita di padre Candido Amantini

E’ il 2014 ed è, pertanto, l’anno in cui ricorre il centenario della nascita del Servo di Dio Padre Candidio dell’Immacolata, CP (al secolo Eraldo Ulisse Amantini)  splendida figura di Sacerdote  che  nacque il 31 gennaio 1914  in una minuscola frazione –Bagnolo– di un paese anch’esso piccolo, Santa Fiora. E’ bello constatare come sovente grandissimi santi hanno avuto i natali in posti assolutamente sconosciuti e, per cos’ dire, “insignificanti”.

E del resto anche i grandi eventi prodigiosi della cristianità  -apparizioni mariane, miracoli Eucaristici- hanno avuto come teatro località fino ad allora sconosciute: si pensi alla Grotta di Massabielle, ad esempio. E’ la “logica” di Dio: scegliere il piccolo (i piccoli, i deboli, i poveri eccetera) per confondere i potenti, i grandi. Gesù Cristo non è forse nato a Betlemme, piccolissimo centro della Giudea?

Torniamo a Padre Candido e però precisiamo che non si ha la minima pretesa di scrivere una biografia degna di tal nome nè d’essere esaustivi: anzi, a scanso di equivoci, siamo ben lieti di fornire il link di un sito che -quello si!- fornisce tante utili e complete informazioni: http://padrecandidoamantini.blogspot.it/.

* * *

Quella che segue è la Novena per ottenere delle Grazie per l’intercessione gloriosa di p. Candido dell’Immacolata e per ottenere la di lui elevazione alle glorie degli altari. Può servire anche come Triduo.

La Novena solitamente la si comincia il 13 settembre (il Triduo il 19) per poi farla terminare il 22 settembre, festa del beato Transito dell’amato Padre in Cielo. Tuttavia è consigliabile recitarla ogni qualvolta si dovessero avere delle necessità particolari: padre Candido di certo verrà in soccorso a quanti lo invocano per Amore di Gesù.

A quest’ultimo riguardo non si può tacere il fatto che diversi Esorcisti , nell’espletare il loro santo ministero, hanno avuto modo di sperimentare con gioia la potente intercessione con la quale è venuto loro in aiuto il caro padre Candido.

Raccomandiamo di richiederne l’intercessione a tutti coloro che dovessero soffrire a causa di disturbi o influssi del Maligno.

CORONCINA PER OTTENERE GRAZIE PER INTERCESSIONE DI P. CANDIDO AMANTINI
(si usa la comune Corona del Rosario)

Si comincia col Credo secondo le intenzioni del Santo Padre e per il bene della Santa Chiesa.


Sui grani del Pater:

V. O Gesù mio Redentore per le Tue Piaghe e il Tuo Dolore,
R. concedi per Maria che Padre Candido Glorificato sia.

V. Prega Gesù o Madre Immacolata! Per Colui che santamente il Tuo Nome ha Portato!
R. Che Padre Candido sia Glorificato! Che Padre Candido sia Glorificato!

Sui grani dell’Ave:
V. Padre Candido per Amore di Gesù Appassionato,
R. ottienici le Grazie dal Suo Cuore Immacolato!

Alla fine 3 volte:
V. Oh Gesù Appassionato ascolta le preghiere che P. Candido ti ha presentato,
R. Oh Maria Addolorata intercedi dal Tuo Figlio che P. Candido sia Glorificato!

7 Ave Maria in memoria dei 7 dolori della Ss. Vergine di cui P. Candido era devotissimo.

Padre Candido Amantini, Passionista.jpg

padre CANDIDO AMANTINI  Sacerdote Passionista

31 Gennaio 1914      +22 Settembre 1992

Preghiamo: Onnipotente Sempiterno Dio, Tu che hai mandato nel mondo il Tuo Unico Figlio Gesù Cristo nato da Maria Vergine, che morì in Croce per noi per riscattarci dalla corruzione del peccato e dal potere dell’Inferno,

ascolta la preghiera che Ti rivolgiamo per Intercessione della Candida Regina del Paradiso e del Tuo Servo Padre Candido dell’Immacolata che in tutta la sua vita fu unito misticamente alla Passione e Morte del Tuo Figlio,

concedi che Egli sia elevato alle Glorie degli Altari e per la sua intercessione fa che imitando le sue virtù possiamo essere liberati dalla schiavitù del Demonio e da ogni male dell’Anima e del Corpo per giungere al Regno Eterno a cantare senza fine insieme con Padre Candido le tue lodi per tutti i secoli dei secoli.

Amen.

Verso il Centenario della nascita di padre Candido Amantiniultima modifica: 2014-01-07T16:30:34+00:00da dematteiscosimo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento