Son passati quasi nove anni dal celebre allarme lanciato da Clarence Seedorf ma la situazione non è per niente migliorata, anzi. Ed i calciatori, anziché svegliarsi (questo era l’esplicito auspicio del forte centrocampista olandese) son rimasti pressoché inerti e succubi di tale bruttissimo andazzo che, evidentemente, sta bene pure a loro (o alla piu parte di essi). Nel mio piccolo ho sempre lamentato tale stortura e sempre lo farò. Perché credo ancora che il calcio possa tornare ad essere sano.

E accolgo con immenso piacere le dichiarazioni di uomini di calcio quando, con nettezza e schiettezza, rilevano come l’attività dei procuratori sia divenuta preponderante a discapito di altri aspetti, di altre figure e, in definitiva, a discapito dei calciatori stessi.

In tal senso –e venne fatto subito- salutammo le parole inequivocabili del Presidente del Brindisi Antonio Flora. La reazione, lo ricordiamo tutti, fu immediata e scomposta. Ma alla fine –o almeno: allo stato attuale- il risultato è stato positivo. Ed abbiamo avuto la conferma che Flora, pur non essendo brindisino (che per qualcuno rappresenta una sorta di stigma ineludibile) vuole il bene del Brindisi. E non mi stanco neppure di ricordare che se a Brindisi abbiamo ancora una squadra di pallone lo dobbiamo a lui.MURALE

basket, futura basket brindisi, futura brindisi-saces dike napoli 66-65, nene diene,Gigi Santini,  Le vittorie di misura creano spesso emozioni contrapposte. Da una parte l’ansia delle battute conclusive, la paura di mandare per aria una gara ben letta e giocata, dall’altra il botto di gioia per una contesa che regala il lieto fine. Perché le imprese sono quelle che portano all’arrivo con le pulsazioni a mille, quelle che ti spingono fino alla soglia del pericolo e poi ti riportano indietro a realizzare e goderti la vittoria. E così la Futura Basket, ai vagiti del suo primo campionato in serie A2, sabato ha battuto il Napoli anticipandolo di un’incollatura sul filo della sirena. Ha battuto una tra le nobilissime della conference di centro-sud, squadra che ha cancellato dodici punti in pochissimi scambi giocandosi tutto nella volata finale. Resta l’ottima prova delle ragazze di Gigi Santini che hanno condotto quasi sempre il match difendendo con aggressività e facilitando in questo modo il gioco in attacco. Una partita, destinata sul parquet del PalaPentassuglia dentro una generosa e rumorosa cornice di pubblico, che ha offerto le prime indicazioni al tecnico brindisino, avvalorate dallo spessore dell’avversario. E Nene Diene, tra le protagoniste dell’esordio biancoazzurro, torna sulle fasi cruciali della disputa.

«La Dike Napoli ha senza dubbio uno dei migliori organici del girone – ha commentato l’ala brindisina – e anche capacità di gioco avendolo ampiamente dimostrato a Brindisi con giro palla veloci sul perimetro dei tre punti e intensità sotto i tabelloni. Negli ultimi cinque minuti siamo andati in black-out permettendo il rientro delle ospiti, che con due triple sono tornate in vita rimettendo tutto in discussione. In quel momento il pubblico è stato decisivo, ci ha trascinate alla sirena con un tifo assordante. Nel punto della vittoria c’è la complicità dei nostri sostenitori». Poi si addentra nell’analisi della parte finale di gara. «È ciò che puoi aspettarti quando impatti una partita vera, fatta di ritmo e fisicità. In queste settimane di preparazione abbiamo giocato giusto qualche amichevole, mentre lo stress, fisico e mentale, di una gara di campionato è cosa ben diversa. Abbiamo forse pagato un passaggio così veloce. Ma siamo qui a raccontare una vittoria, una prova di carattere nella quale c’è molto del nostro coach e del suo modo di lavorare».

Partire bene è importante per dare l’impronta giusta alla nuova serie, e anche perché il format del campionato di A2, che di sicuro durerà per i prossimi tre anni, non ammette distrazioni. Anzi, obbliga a viaggiare al top già ai primi passi. «Ciò che fai oggi può essere decisivo nella fase successiva, è vietato sbagliare, soprattutto quando incroci le squadre più forti. Ecco perché era importante assicurarsi i primi punti. Le campane si sono mosse bene sul mercato, il campionato ha tanta qualità dentro, un salto enorme dall’A3, ma noi possiamo fare la nostra parte».

Sabato prossimo il banco si sposta a Viterbo, dove al PalaMalè la compagine brindisina proverà a confermarsi contro la Defensor di coach Carlo Scaramuccia. Probabile il rientro tra le file gialloblù della pivot ceca Martina Rejchova, rimasta in infermeria nella trasferta di Catania. In sala d’aspetto la comunitaria della Futura Basket, l’ala-pivot lettone Sabine Egle, il cui impiego è legato ai tempi burocratici del trasferimento. Ex in campo la brindisina Valentina Siccardi, nel centro laziale dal 2003 al 2008 con la sola parentesi di Montichiari nella stagione 2006-2007.

«Viterbo vorrà riscattare la sconfitta del PalaGalermo – conclude Nene Diene –, perciò sarà il caso di fare molta attenzione. Giocheremo come al solito. Prima di vincere una partita occorre costruirla nei passi e nel modo giusto. Pochi errori, senso pratico e carattere. Le nuove compagne fanno già parte integrante, si sono inserite nel gruppo e si fanno sentire in campo. Che dire, un’altra buona notizia in questo avvio di stagione».

Ufficio stampa

Futura Basket Brindisi

basket, futura basket brindisi, futura brindisi-saces dike napoli 66-65, nene diene,Gigi Santini, Ufficio stampa Futura Basket Brindisi, serie a/2 basket femminile,


 

futura basket, acquisto lettone e presentazione della squadra

 

SABINA.jpg

la squadra brindisina si presenta alla città presso la sala della colonna

e intanto annuncia l’arrivo della lettone sabine egle, un’ala-pivot del ’91

 

La Futura Basket Brindisi comunica di aver raggiunto l’accordo con la giocatrice di nazionalità lettone, ala-pivot di 180 cm classe 1991, Sabine Egle per la stagione 2013-2014.

Un rinforzo giovane per la squadra allenata da Gigi Santini che sarà a disposizione da lunedì prossimo per via del tempo tecnico necessario per le procedure di tesseramento. Dieci punti e 8,5 rimbalzi di media a partita, Sabine Egle proviene dalle file del Liepajas Papirs, squadra di massima divisione del campionato lettone con cui lo scorso anno ha conquistato le semifinali playoff.

Una bella notizia in casa biancoazzurra alla vigilia dell’esordio nel campionato di serie A2, in programma oggi sabato 12 ottobre alle ore 20,00 sul parquet del PalaPentassuglia contro Saces Dike Napoli. Ma ancor prima, nel corso della mattinata, alle ore 11,00, la comitiva brindisina si ritroverà presso la Sala della Colonna, al pian terreno del Palazzo della ex Corte d’Assise, per la presentazione ufficiale di atlete, staff tecnico e dirigenti, alla presenza del sindaco di Brindisi, Mimmo Consales, e dell’assessore allo Sport, Antonio Giunta.

 

futura-napoli.jpg

www.futurabrindisi.it


 

 

Ufficio stampa  Futura Basket Brindisi, basket femminile, serie a/2,Nene Diene, Laura Perseu, Linda Manzini, Marzia Tagliamento,Saces Dike Napoli,  Si ricomincia. È partito il conto alla rovescia per lo start ai blocchi di partenza della Futura Basket Basket nel campionato di LegaDue 2013-2014. Il punto più alto della storia della squadra brindisina, coinciso con la promozione conquistata lo scorso anno al termine di una stagione trionfante. Ora si riparte, è l’ora dell’imbarco, le aspettative dell’estate e le istantanee di un anno intero lasciano il posto a un’avventura scandita da un calendario denso e impegnativo (esordio in campionato al PalaPentassuglia sabato prossimo con la Saces Dike Napoli, ore 20.00). Il gruppo guidato da coach Santini si avvicina all’appuntamento tra gli ultimi scrimmage e i dettagli tecnici della vigilia.

Ufficio stampa  Futura Basket Brindisi, basket femminile, serie a/2,Nene Diene, Laura Perseu, Linda Manzini, Marzia Tagliamento,Saces Dike Napoli,

www.futurabrindisi.it

 

 

 

 


 

 LE DEFEZIONI IN SERIE A – L’addio alla massima serie del Cras Taranto e di Pozzuoli hanno suscitato scalpore. La serie A1 sarà nuovamente a 12 squadre. In A2 sono saltate società storiche come Marghera e Cestistica La Spezia.

 

 IL NUOVO FORMAT DELLA A2 – Alla luce di ciò è arrivata la prima modifica regolamentare: solo 28 squadre in A2 sulle 32 previste e tre promozioni in massima serie rispetto alle due inizialmente proposte. Quattro le formazioni ripescate in A2 (Trieste, Ferrara, Moncalieri e Astro Cagliari) per completare il quadro delle quattro conference da sette squadre.

 

Partendo dal girone settentrionale la conference di nord ovest comprende: Moncalieri (ripescata), Torino (neopromossa), Biassono, Milano, Sesto San Giovanni (neopromossa), Virtus Cagliari, Astro Cagliari (ripescata).

Nella conference di nord est ci sono: Udine, Ginnastica Triestina (ripescata), Vicenza (neopromossa), Valmadrera, Alghero, San Salvatore Selargius.

 

Nel girone centro meridionale Broni, Crema, Bologna, Vigarano Mainarda (neopromossa, Ferrara (ripescata), Civitanova Marche (neopromossa) ed Ancona compongono la conference di centro, mentre le quattro campane (Salerno, Napoli, Battipaglia, Ariano Irpino) se la vedranno con Brindisi (neopromossa), Reggio Calabria (trasferitasi a Catania) e Viterbo nella conference sud.

Le prime quattro di ogni conference si qualificheranno per la poule promozione portando in dote i punti degli scontri diretti. Dalle otto formazioni di questa seconda fase solo quattro accederanno alle due semifinali play-off (al meglio delle tre gare). La vincente della finale sarà promossa in A1, la perdente avrà l’ulteriore chance contro la finalista perdente dell’altro girone. Analogo il percorso per stabilire le quattro retrocesse in A3. Le squadre classificate dal quinto posto in poi di ogni conference confluiranno in due raggruppamenti di poule retrocessione (uno per girone) con l’eredità dei punti conseguiti negli scontri diretti. Al termine di questa fase, in ciascuno di tali raggruppamenti, l’ultima retrocederà direttamente mentre le due squadre che la precedono si confronteranno nel barrage play-out (al meglio delle tre gare) sempre che la distanza in classifica risulti non superiore a sei punti.

 

IL CAMMINO – La formazione di coach Santini mette il muso sul campionato sabato prossimo. Esordio in casa con la Dike Napoli di Giovanni Monda. Poi trasferta al Pala Malè di Viterbo sul campo della Virtus Ants. Poi riposo alla terza giornata per poi far visita il 3 novembre al Gruppo Lpa Ariano Irpino, la squadra allenata da Claudio Agresti che lo scorso anno ha sfiorato la finale promozione e che durante l’estate ha fatto più rumore sul mercato con una batteria di lunghe davvero invidiabile. Dopo tre giornate si torna al PalaZumbo: ospite il 9 novembre la Carpedil Salerno Basket ’92 che lo scorso venerdì si è presentata con l’obiettivo dichiarato della salvezza. Segue la trasferta più lunga, quella al PalaGalermo di Catania in casa della neonata Olympia 68 affidata al tecnico Enzo Porchi. Il girone si chiude a Brindisi. In via dei Mille arriva il Minibasket Battipaglia, squadra giovanissima agli ordini di Massimo Riga già saggiata dalla Futura nel test amichevole dello scorso 14 settembre.   

 

IL ROSTER – Le novità riguardano anche il roster, con il sodalizio che continua a lavorare nell’ottica di porre il settore giovanile al servizio della prima squadra, un percorso che ha appena proiettato diverse giovanissime nell’orbita della serie A2. Oltre alle conferme di Nene Diene, Laura Perseu, Linda Manzini, Marzia Tagliamento, il nucleo di giocatrici che ha contribuito lo scorso anno in modo decisivo al primato, la società è al lavoro per perfezionare l’assetto di lancio, quello che saggerà fin da subito la nuova spedizione tecnica. Matricola il passato campionato, matricola nel nuovo, un gradino più su.

E le matricole, si sa, sono costrette a imparare in fretta dimostrando di saperci fare. La Futura sta al gioco e ha chiamato in biancoazzurro il pivot canturino Valentina Gatti, classe ’88, ultima stagione a Chieti in A1, nel centro teatino dal 2010 e con la Logistic Milano nei due anni precedenti tra A3 e A2. E sempre da Chieti è arrivata anche Viola Diodati, play-guardia classe ’91, pescarese di nascita ma cussina di formazione tra A2 e A1 con trascorsi nel giro della Nazionale under 18. Un concentrato di tecnica e centimetri che quest’anno incrocia anche le strade di Valentina Siccardi, guardia-ala ex capitano della GoldBet Cras Taranto, una vita sulle tracce di avversarie pericolose e un palmarès d’eccezione: tre scudetti, una Coppa Italia, due Supercoppe italiane, una teca di cristallo che custodisce titoli preziosissimi oltre a sei presenze in azzurro. La specialista brindisina, classe ’82, ora riprende la via di casa dopo essere partita proprio dalla Futura e dallo scudetto nella categoria Cadette conquistato nel 2003, e aver lasciato il segno nella massima serie nazionale a Viterbo, Montichiari e Taranto. Piazze importanti nelle quali la giocatrice ha forgiato la sua esperienza e la sua maturità. Un valore assoluto in grado di incidere largamente sulla qualità della compagine brindisina. Che intanto continua a guardarsi attorno alla ricerca di un altro tassello in grado di assicurare il completo assetto campionato.

 

IL SETTORE GIOVANILE – La compagine brindisina è pronta a scommettere come sempre sul settore giovanile, sui talenti che sognano di prender forma e sui formatori disposti a sposare il progetto. Quest’anno i tecnici delle giovanili avranno a disposizione un preparatore atletico, segnale che sottolinea l’attenzione della società verso le nuove generazioni del basket femminile.

 

roster enel basket 2012,foto immagini della gara,roster enel basket 2012 roster enel basket 2012 roster enel bask,robinson (a),reynolds (pg),formenti (g),fultz (p),ndoja (a),simmons (ac),pacella (ga),porfido (ga),zerini (a),gibson (pg),leggio (a),rosato (g),preite (a),grant (c). all.: bucchi.brindisi: viggiano (a),grant (c). all.: bucchi.siena: kasun (c),brown (g),eze (c),carraretto (g),rasic (p),kangur (a)

SIENA: Kasun 6 , Brown 18, Eze 12, Carraretto 7, Rasic 9, Kangur 9, Sanikidze 9, Ress , Lechthaler, Janning, Hackett 7, Moss 15. Allenatore: Banchi.

BRINDISI: Viaggiano 11, Robinson 4, Reynolds 8, Formenti 10, Fultz 4, Ndoja , Simmons 7 , Zerini 3, Gibson 17, Grant 1. Allenatore Bucchi.

Parziali: 25-17, 43-42, 67-54, 92-65

 


Se in ambito calcistico risulta abbastanza complicato stabilire quale sia la squadra maggiore della regione –ne abbiam parlato proprio di recente- altrettanto non si può dire della pallacanestro: la regina indiscussa del basket pugliese è Brindisi. Anzi: forse con una forzatura ci fregiamo del titolo di “stella del sud” (la forzatura è tale: Reggio Calabria, Napoli e soprattutto Caserta hanno storicamente qualcosa piu di noi) che era, fra parentesi, uno striscione che campeggiava dai tempi di Via Ruta: io lo riproposi in uno scritto del 98 o del 99 e da allora è tornato in auge. Mica voglio i diritti d’autore (non l’ho certo inventato io!) ma vorrei solo dire che tale appellativo sarebbe finito nel dimenticatoio senza la mia modesta rievocazione.

Ecco, come è inevitabile(almeno: per me lo è) nel parlar di basket il discorso tocca il passato. Ma, fortunatamente e non per caso!, Brindisi ha un presente radioso sicché il nostro indugiare nel passato non è un “rifugiarsi” negli allori degli scorsi decenni ma un fisiologico considerare  come un meraviglioso continuum la storia della pallacanestro brindisina.

Storia che continua: oggi, mercoledì 26 settembre 2012, Brindisi inizia il suo ennesimo campionato nella massima serie nazionale. E, come ben sapete, si gioca contro i pluri Campioni di Italia (palla a due  alle 20.30). E pazienza se non torneremo da Siena con i due punti: come ha scritto Pompeo Barbiero “la squadra partirà in condizioni di inferiorità tecnico-atletiche a causa dei vari contrattempi che  hanno impedito a coach Bucchi di avere fin dall’inizio della preparazione il roster al completo”. Ed ha aggiunto che è un peccato non potersela giocare in condizioni “normali”. Ad ogni modo, già tre giorni dopo arriva a Brindisi Varese e bisognerà pur “bagnare” questo nuovo Torneo con una bella vittoria. E se giunge stasera –come nel sogno-visione di Piermassimo Proto, noto tifoso della New Basket Brindisi- allora festeggeremo. Con un bel brindisi, naturalmente!

cosimo de matteis

________________________________________

basket,serie a: montepaschi siena - enel basket brindisi,anticipo,basket,basket: si parte con siena-brindisi,campionato al via,claudio malagoli,enel new basket brindisi,juve caserta,la stella del sud,lega a,mens sana siena,mercoledì 26 settembre 2012,montepaschi,montepaschi siena-enel brindisi,pompeo barbiero,serie a,serie a1,viola reggio calabria

Roster Enel Basket 2012

 

 4 VIGGIANO Jeffrey Donald – ala 1984  ITA

 

6 ROBINSON Antywane Frederick – ala  1984  USA

 

7 REYNOLDS Scottie Michael – play-guardia  1987  USA

 

9 FORMENTI Matteo – guardia  1982  ITA

 

11 MILOSEVIC Stevan – pivot  1985  MNE

 

12 FULTZ Robert – play 1982  ITA

 

13 NDOJA Klaudio – ala 1985  ITA

 

14 SIMMONS Cedric – pivot  BUL

 

15 PACELLA Daniele – guardia-ala 1994  ITA

 

16 PORFIDO Alessandro – guardia-ala 1993  ITA

 

19 ZERINI Andrea – ala 1988  ITA

 

22 GIBSON Jonathan Mychal – play-guardia 1987  USA

 

32 NIKOLAIDIS Prodromos – guardia-ala  1978  GRE

 

33 LEGGIO Gianmarco – ala 1994  ITA

 

34 ROSATO Antonio J. – ala 1995  ITA

 

35 PREITE Elio – ala  1994  ITA

 

45 GRANT Harvey Jerai – pivot  1989  USA

 

Allenatore:  BUCCHI Piero
Vice Allenatore:  MICHELUTTI Daniele
Preparatore atletico: SIST Marco
Medici:  MANCA Sandro – D’ANDRIA Giuseppe – GIOIA Piero
Massaggiatori:  LONGO Rino – CAIULO Salvatore
Osteopata :  PEDIO Salvatore

*

 

Presidente  Antonio CORLIANO’
Vicepresidente  Fernando MARINO
Vicepresidente  Luigi BAGNATO
Amministratore Delegato  Giuseppe MARINO’
General Manager  Santi PUGLISI
Direttore Sportivo  Renato NICOLAI
Team Manager  Maurizio CARONE
Resp. Marketing  Enrica IGNAZZI
Addetto stampa  Enrica IGNAZZI
Addetto stampa  GianPiero LOFOCO
Segreteria  Carlo GUADALUPI
Resp. sito Internet  Giovanni MEMBOLA
Resp. statistiche Lega  Claudio QUARTA
Resp. Settore Giovanile  Claudio OLIVIERI

 

 

Cari amici lettori, vorrei davvero ringraziarvi: siete sempre di più ed io davvero ne sono lieto ed oltremodo gratificato da tale vostra attenzione. E’ un buon segno: significa che il calcio (quello giocato!) ancora appassiona tanti di noi. Oggi mi rivolgo, in particolare, agli amici di Francavilla Fontana. Come ben sapete la Virtus Francavila, sodalizio sorto questa estate, sta primeggiando nel Campionato di Prima Categoria (assieme ad una squadra sempre brindisina: il Cellino) ed ha grosse ambizioni, buona organizzazione societaria ed un discreto numero di tifosi che la seguono.

Ebbene cari francavillesi, Domenica prossima, 30 Ottobre, è in programma una bella partita : un derby tutto brindisino fra la forte Real Paradiso (che, assieme al Latiano, segue Virtus e Cellino in classifica) e, appunto, la squadra del Presidente Magrì. Inutile dire che sarà l’incontro più importante della Giornata ma è anche molto atteso sia a Francavilla come a Brindisi dove è crescente l’interesse verso questa bella realtà calcistica.

Aggiungo: sempre Domenica prossima il Brindisi ha una gara molto importante per la sua “scalata” alla vetta della classifica. Al “Fanuzzi” la squadra di Gigi Boccolini affronterà i leccesi del Nardò con la prospettiva di raggiungere il primo posto. Ed anche questa è una partita da non perdere.

E vengo al dunque: perchè non trascorrere ASSIEME una bella giornata di sport e di amicizia? La mattina ci vediamo al Campo della “Torretta” al Quartiere Paradiso – la formazione del Presidente Siliberto gioca le sue gare alle 11 proprio per permettere ai tifosi del Capoluogo di seguire la squadra maggiore della Città- per assistere alla partita fra Paradiso e Virtus Francavilla e poi, insime “ci trasferiamo” al vicino Stadio Comunale a sostenere i colori della maggiore squadra della nostra bella Provincia impegnata contro il Nardò.

Non sarebbe una ottima idea? Io credo di si, ed è per questo che scrivo queste righe e le indirizzo agli sportivi francavillesi tutti (in particolare al nuovo gruppo che segue la Virtus, i “Tigers Ultra”) ma anche alle Dirigenze delle due squadre ed a tutti quelli che amano il calcio.

Grazie, fin da ora, a tutti quelli che vorranno prendere in considerazione la mia modesta idea che, con semplicità e libertà, mi sono sentito di esporre.

 

cosimo de matteis

 

 

Città di Brindisi, nuovo cosenza, salerno-ex-salernitana,ravenna, serie d 2011-2012,montecchio maggiore, alta corte di giustizia sportiva,VERBANO,elenco completo tutti gironi serie d, juniores, 91-92-93 regola degli underParte oggi, con la Formazione dei Gironi e con gli accoppiamenti della Coppa Italia (con la NUOVA FORMULA) la Stagione 2011 – 2012 del Campionato Nazionale di Serie D. Il Dipartimento Interregionale della Lega Nazionale Dilettanti, infatti, ha reso noti oggi i gironi della Serie D.

Ufficializzato quindi anche l’organico che tocca quota 168 società, composto dalle 162 già ufficialmente iscritte dopo i ripescaggi, da Città di Brindisi, Nuovo Cosenza, Salerno (l’ex-Salernitana) e Ravenna ex squadre professioniste che hanno fatto richiesta di essere ammesse in soprannumero al Campionato Serie D (ex art. 52 comma 10 delle Noif) con delibera del presidente Federale, più il Montecchio Maggiore che di fronte all’Alta Corte di Giustizia Sportiva ha ottenuto l’inserimento nell’organico della nuova Serie D.

Ed infine il Verbano, prima in graduatoria tra le squadre non aventi diritto che hanno presentato regolare domanda di ammissione nei termini, ammesso per dare omogeneità ai gironi evitando la disparità numerica degli organici creatasi dopo i recenti provvedimenti federali.

In attesa dei calendari, che a Brindisi come in molte altre piazze importanti si attendono con trepidazione, si inizia a delineare la morfologia della prossima stagione che prenderà il via il 21 agosto (ore 16.00) con il turno preliminare della Coppa Italia, il 4 settembre con il campionato ed il 17 settembre con quello Juniores. (Riguardo il Campionato giovanile Juniores scriviamo a parte in questo stesso blog)  

Per tutte le squadre partecipanti vige l’obbligo d’impiegare in campo per tutti e 90′ almeno quattro calciatori “giovani“, uno nato dal 1 gennaio 1991 in poi, due dal 1 gennaio 1992 e un altro dal 1 gennaio 1993.

Una formula vincente che la Serie D applica da più di dieci anni, una soluzione che permette alle società di valorizzare i giovani.

L’organico della D è un vero e proprio spaccato dell’Italia, nei nove gironi, tre da venti squadre (A, B e D) e sei da diciotto (C, E, F, G, H, I), troviamo sette squadre abruzzesi, tre lucane, sei calabresi, quindici campane (che è la Regione più rappresentata), undici emiliano-romagnole, cinque del Friuli Venezia Giulia, quattordici laziali, quattro liguri, venti lombarde, sei marchigiane, tre molisane, tredici tra piemontesi e valdostane, sei pugliesi, cinque sarde, otto siciliane, tredici toscane, due trentine, undici umbre e sedici venete.

Città di Brindisi, nuovo cosenza, salerno-ex-salernitana,ravenna, serie d 2011-2012,montecchio maggiore, alta corte di giustizia sportiva,VERBANO,elenco completo tutti gironi serie d, juniores, 91-92-93 regola degli under

Riproponiamo ora l’elenco completo dei nove Gironi:

Girone A: Bogliasco D’Albertis, Chiavari Caperana, Lavagnese, Pro Imperia, Acqui, Albese, Aquanera, Asti, Borgosesia, Chieri, Derthona, Lascaris, Novese, Santhià, Valleeaoste, Villavalvernia Val Borbera, Cantù San Paolo, Folgore Caratese, Naviglio Trezzano, Verbano;

Girone B: Atletico Pro Piacenza, Fidenza, Fiorenzuola, Gozzano, Alzano Cene, Aurora Seriate, Caronnese, Carpenedolo, Castellana Castelgoffredo, Colognese, Darfo Boario, Gallaratese, Mapellobonate, Olginatese, Pizzighettone, Ponte S.Pietro, Rudianese, Seregno, Sterilgarda Castiglione, Voghera;

Girone C: Gradisca, Pordenone, Sacilese, Sanvitese, Tamai, Mezzocorona, St.Georgen, Belluno, Città di Concordia, Delta Porto Tolle, Giorgione, Legnago Salus, Sarego, Montebelluna, Montecchio Maggiore, Sandonà, Union Quinto, Unione Venezia;

Girone D: Camaiore, Forcoli, Lanciotto Campi Bisenzio, Pelli Santacroce, Pistoiese, Rosignano, San Miniato Tuttocuoio, Scandicci, Sestese, Bagnolese, Forlì, Mezzolara, Ravenna, Virtus Castelfranco, Virtus Pavullese, Cerea, Este, San Paolo Padova, Villafranca Veronese, Virtus Vecomp;

Girone E: Castel Rigone, Deruta, Città di Castello, Orvietana, Pierantonio, Pontevecchio, Sansepolcro, Sporting Trestina, Sporting Terni, Todi, Voluntas Spoleto, Atletico Arezzo, Città di Pontedera, Pianese, Sansovino, Flaminia Civitacastellana, Viterbese, Zagarolo;

Girone F: Atletico Trivento, Isernia, Olympia Agnonese, Atessa Val di Sangro, Luco Canistro, Miglianico, Renato Curi Angolana, San Nicolò, Santegidiese, Teramo, Ancona, Civitanovese, Jesina, Recanatese, Sambenedettese, Vis Pesaro, Real Rimini, Riccione;

Girone G: Bacoli Sibilla Flegrea, Pomigliano, Salerno, Arzachena, Budoni, Portotorres, Progetto Sant’Elia, Selargius, Anziolavinio, Astrea, Atletico Boville, Città di Marino, Civitavecchia, Cynthia, Fidene, Sora, Monterotondo Lupa, Palestrina;

Girone H: Cristofaro Oppido, Francavilla, Irsinese, Grottaglie, Città di Brindisi, Fortis Trani, Martina Franca, Nardò, Virtus Casarano, Gaeta, Casertana, Clt Campania, Internapoli Camaldoli, Ischia, Real Nocera, Sarnese, Turris, Viribus Unitis;

Girone I: Acireale, Adrano, Licata, Marsala, Messina, Nissa, Noto, Palazzolo, Acri, Cittanova Interpiana, Hinterreggio, Nuovo Cosenza, Sambiase, Valle Grecanica, Battipagliese, Nuvla San Felice, Sant’Antonio Abate, Serre Alburni.

Si è svolta stamani, nella Sala conferenze di Palazzo Nervegna, una conferenza stampa convocata dal vice sindaco Mauro D’Attis per aggiornamenti relativi alla vicenda-calcio.

All’incontro erano presenti anche il presidente del Consiglio comunale Angelo Rizziello, il vice presidente Antonio Monetti ed il capo gruppo del PD Salvatore Brigante, “a dimostrazione del fatto – ha detto D’Attis in apertura di conferenza – che siamo tutti d’accordo sulla volontà di fare qualcosa per risolvere la situazione che, detto molto chiaramente, è davvero disastrosa.

Al momento, infatti, le possibilità di salvare la Seconda Divisione sono quasi pari a zero”. Detto ciò, il vice sindaco ha confermato di essere stato negli ultimi giorni a Napoli, presso lo studio “De Vita” (il commercialista del Football Brindisi 1912), dove ha conosciuto la reale situazione finanziaria della società che, per ciò che riguarda i debiti di natura prettamente sportiva (gli stipendi non ancora pagati ai giocatori) ammonta a circa un milione e mezzo di euro.

Le possibilità, al momento, sono due. La prima, quella che l’Amministrazione sta tentando in extremis, è di salvare il titolo. A tale proposito, grazie ad una colletta, sono stati raccolti i 28mila euro necessari alla iscrizione – con riserva – della squadra al prossimo campionato di Seconda Divisione.

“Con riserva perché – ha detto D’Attis – la domanda sarà accettata solo se entro il 12 luglio prossimo verranno ripianati tutti i debiti e sarà ricapitalizzata la società. Una possibilità molto remota.

 

Intanto, d’accordo con tutto il consiglio comunale, abbiamo costituito una Unità di crisi (al momento composta dagli stessi D’Attis, Rizziello, Monetti e Brigante in rappresentanza dell’intera assise n.d.r.) che, nel giro di qualche giorno, continuerà a contattare aziende ed imprenditori che possano garantire il proprio contributo per fare questo ultimo tentativo di salvataggio. Dopodichè l’Unità di Crisi attuale sarà sostituita da un’altra composta da specifici professionisti i quali, sulla scorta del budget potenzialmente messo a disposizione da aziende ed imprenditori contattati, avvierà le trattative con i giocatori.

Solo e soltanto se le transazioni andranno a buon fine ed i giocatori saranno disposti a ridurre il totale delle loro spettanze – riducendo il debito complessivo di almeno due terzi – si potrà sperare di continuare con la Seconda Divisione. ‘Condizione sine qua non’ perché ciò possa realizzarsi sarà, però, che il presidente Pupino lasci il titolo sportivo, a titolo gratuito e senza nulla volere, al sindaco. “Se questa prima possibilità non dovesse andare in porto – ha proseguito D’Attis – dobbiamo rassegnarci all’idea di ripartire – con le stesse forze imprenditoriali contattate – dalla Eccellenza.

In un caso o nell’altro, la neo costituita società sarà composta esclusivamente da brindisini. A tale proposito, intendo sottolineare anche che il Comune – a causa dei danni di immagine che subirà a seguito di un eventuale fallimento – intende costituirsi parte civile contro chi ha cagionato questo dissesto”.

Sara’ Juve Stabia-Atletico Roma la finale dei playoff del girone B di Prima divisione della Lega Pro. Questi i risultati delle semifinali di ritorno: Benevento-Juve Stabia 1-1 (andata 0-1); Atletico Roma-Taranto 2-3 (andata 1-0). Finale d’andata domenica 12 giugno. Nei playout, Cosenza-Viareggio 0-1 (andata 1-3) e Ternana-Foligno 1-1 (andata 0-1). Retrocedono in Seconda divisione Cosenza e Ternana.

Nel girone A invece sara’ Verona-Salernitana la finale dei playoff per la serie B. Nelle semifinali il Verona ha eliminato il Sorrento (andata 2-0 ritorno 1-1) e la Salernitana l’Alessandria (1-1 e 3-1). Finale di andata domenica 12 giugno. Nei playout si salvano Ravenna e Pergocrema ai danni di Sud Tirol e Monza che retrocedono in II divisione. Questo l’esito dei match di ritorno: Ravenna-Sud Tirol 2-1 (andata 0-1) e Pergocrema-Monza 1-0 (andata 0-1).

LEGA.jpg