Nuovo Quotidiano di Puglia, marco biagi, domenico mennitti,Christopher Emsden , dc, pci, fanfani, dossetti giuseppe, aldo moro, la marcia dei quarantamila, gianni baget bozzo, termoli, brindisi, ideazione, br, intellettuale progressista, bipolarismo, Uno dei motivi che mi spinge ad acquistare in edicola (ed a leggere) un quotidiano locale è il fatto che esso ospita gli interventi di Domenico Mennitti. E’ il caso di oggi: il “Nuovo Quotidiano di Puglia” (questa la Testata cui mi riferisco) riporta in prima pagina una interessante riflessione del grande politologo termolese (ma Brindisino “d’adozione” e, credo, con amore) fondatore, frallaltro, della rivista “Ideazione” che ha rappresentata davvero una ventata di aria nuova in un panorama culturale un po’ asfittico ed egemonizzato, ca va sans dire, dal pensiero marxiano nella declinazione tutta italiana e gramsciana.

Ebbene oggi Mennitti trae spunto dalle parole con le quali Christopher Emsden commentò, sulle colonne dell’International Herald Tribune, l’efferato omicidio di Marco Biagi, l’economista italiano assassinato proprio dieci anni fa nella sua Bologna ad opera di un commando di terroristi che si rifaceva alle Brigate Rosse.

Biagi viene definito come un intellettuale progressista. E la riflessione di Mennitti parte proprio da tale definizione che secondo una accezione tutta italiana viene “appioppata” a chi ha ottenuto una reputazione culturale ed è fedele alla altisonante retorica della vulgata della sinistra. Biagi invece è stato in qualche modo “ripudiato” dalla intellighenzia dell’exPCI: certo, parole di circostanza in occasione del barbaro omicidio, ma poco altro. Biagi, per certe aree culturali, era un “traditore” (e non a caso le BR lo uccisero) ed ancora oggi non viene riconosciuta interamente la portata delle innovazioni da lui introdotte nel sistema politico-economico.

Ma Mennitti non si sofferma a parlare di  Biagi e va avanti -anzi, cronologicamente, indietro-  fin le radici di quella “falsità della politica italiana”, la nota definizione è dell’altro grande politologo Gianni Baget Bozzo, che era basata sui due grandi partiti di massa apparentemente contrapposti: nella realtà ad essere contrapposti erano soprattutto gli elettorati dei due partiti perché la classe dirigente (o la piu parte di essa) della DC  ragionava ed agiva (anche in Parlamento) in relazione al Pci.

Era la “strategia dell’attenzione”, figlia del dossettismo ma anche dalla infelice interpetrazione di una frase ancor più infelice di De Gasperi (secondo la quale, come  è noto, la DC era “un partito di centro che va verso sinistra”) che Fanfani prima e Moro poi, per citare gli esponenti maggiori di tale corrente democristiana predominante, misero diligentemente  e ostinatamente in pratica.

Col nuovo sistema elettorale e con l’avvento di Forza Italia e del bipolarismo (esattamente 18 anni fa Berlusconi trionfava alle elezioni politiche inaugurando il nuovo corso della politica italiana) le cose sono cambiate (per inciso: tra i fautori di tale cambiamento vi è proprio lo stesso Mennitti. E non solo attraverso la rivista Ideazione) ed ecco che, supportati dal corpo elettorale, una nuova classe politica si è affacciata e, riprendendo le parole di Mennitti, uomini “aperti a valutare i nuovi fenomeni sociali avevano accettato di collaborare con il nuovo governo del loro Paese” hanno apportato novità fondamentali.

Così, appunto, Marco Biagi: e senza cambiare i convincimenti politici di fondo. Ma a Biagi fu imposto il silenzio. Con la violenza e lo spargimento di sangue.

Mennitti conclude la breve riflessione con l’auspicio “che il motivo che fa prediligere toni pacati sia lo stesso per cui la marcia dei quarantamila è rimasta nella storia d’Italia a segnare una svolta, come a nessuna delle adunate cosiddette oceaniche delle estreme potrà mai accadere.” E questo non può che essere anche il nostro auspicio.

cosimo de matteis

porto di brindisi - FOTO DI COSIMO DE MATTEIS


Certe volte mi chiedo: ma certe persone “ci sono o ci fanno?” .si, si, per carità. A nessuno interessa. D’accordo.Facciamo così: sto parlando solo, vabbè? Bene. E sto pensando a certi incredibili contraddizioni. Allora, lungi da certo provincialismo, ognuno ama la sua città. Nello specifico Brindisi. E A CI CCHIUI SI ENCHI LA VOCCA: “amo brindisi”, “la brindisinità”, “brindisi ai brindisini” “brindisi siamo noi” e via sloganeggiando. Ma allora, di grazia, che senso ha parlare (seriamente!) di “regione salento”. Per l’amor del Cielo: tutto lecito, nessun reato, ci mancherebbe altro.W la libertà, w la democrazia abbasso il fascismo ed ogni altra dittatura illiberale e liberticida. Ma io potrei capirlo da persone di strudà, di palmariggi, di cutrufiano, non da brindisini. Non è finita: stò benedetto feisbuk, vuoi o non vuoi, ti fa vedere (e leggere) certe cose. Ed una volta viste (e lette) pure che ti sforzi non puoi far finta di niente. E quindi scopri non solo la amicizia facebook (che è cosa normale, sia chiaro) tra persone diversissime e soprattutto distanti anni luce sotto ogni punto di vista (visione della vita, orientamento politico, credo religioso, aspetto assiologico et altro).

Bene. E’ un fatto positivo, direte. Il dialogo etc. Certo, certo. Ma come fai a leggere che una persona “simpatizzante” di uno schieramento (e di una persona in particolare) si dice onorata (e non ricordo più quali altri termini, ma è meglio così) di avere la amicizia di una persona, appunto, distante anni luce da chi invece il nostro personaggio “slurpa” da anni?

E’ la politica, bellezza. Si, si. Ma a tutto c’è un limite. Già li sento: “e quiddu…si stà scandalizza…”. Si, perché, non posso? Hanno creato un movimento (non lo giudico, per carità!) che si nomano “indignados” o qualcosa di simile ed io non posso indignarmi? Io mi indigno ed ancora mi scandalizzo davanti alle incoerenze, piccole o grandi che siano. E’ reato indignarsi?

 

 

Gentili amici lettori di questo Sito (siete ogni giorno di più, lo sapete? E non avete idea di quanto io sia felice di poter offrire un piccolo servizio con questo strumento informativo!) sperando di non annoiare -soprattutto chi non conosce e/o non vive la realtà territoriale di cui si parla nell’articolo- riporto qui quanto ho scritto sul mio Sito Web “Cronache Brindisine”: ripeto che comprendo quanto possa essere poco interessante per taluni, tuttavia trattandosi di questioni legate alla politica ed alla tornata Amministrativa che ci apprestiamo a vivere io credo che non sia proprio inutile perdere sette minuti del proprio tempo per leggere quanto segue:


La rubrica appena inaugurata (la c.d. rassegna stampa online) già trova difficoltà a procedere: avendo scelto come tema i resoconti delle varie Testate della odierna Conferenza Stampa di Mauro D’Attis ci troviamo nella condizione di dover riportare uno scritto appena apparso sulla rete. Ed invece non lo facciamo (ecco perché parlo di “sospensione”) perché l’articolo in questione mi ha notevolmente turbato: pur conoscendo da decenni (non sono un ragazzino sprovveduto, anche se un po’ ingenuo si) lo “stile” ed i metodi tipici della disinformazione e/o della informazione faziosa e menzognera (tipica dei regimi, ad esempio quello comunista. E non solo con Stalin: la disinformatio  della “Pravda” sopravvisse per lunghi decenni, ben oltre la morte del sanguinario dittatore georgiano omicida) ciononostante continuo ad indignarmi profondamente di fronte alle storture. Sicchè mi taccio.

E lo faccio per due motivi: non tanto per evitarmi noie che sicuramente avrei nel momento in cui commentassi certe scorrettezze e menzogne di alcuni colleghi –e del resto ho ricevuto, come ben sapete, già minacce per questioni apparentemente diverse: in realtà, ed un giorno verrà fuori, le due cose erano e sono parecchio intrecciate. E come sempre ho la massima fiducia nelle Forze dell’Ordine che faranno certamente luce sui mesi terribili che abbiam vissuto con veri e propri reati e non scaramucce-  ma quanto per un motivo che ci tengo a precisare.

Ebbene, che io sia un cittadino, indipendentemente dal mio ruolo di blogger e quindi di informatore attraverso internet, che ha apprezzato il lavoro svolto dal 2004 ad oggi dalla Amministrazione Civica non è un mistero. Né io mi impegno a far apparire diversamente: sarei ridicolo e cadrei nelle enormità commesse da altri (e mi sovvengono certi gotha del giornalismo nostrano…).

Ma tale mio punto di vista, che poi è quello di tutti i cittadini onesti e di buon senso i quali non possono non apprezzare l’immensa opera del Sindaco Mennitti, non deve dare l’alibi o il pretesto a qualcuno per attaccare il Centrodestra e/o il suo Candidato Sindaco unitario(parentesi: la si smetta di dire, facendo pure i nomi, che esistono quattro altri candidati di centrodestra. Non è così: chi lo dice e/o lo scrive confonde la realtà coi propri sogni. Il centrodestra è unito, anzi: altre forze convergono su di esso e lo sappiamo tutti. Le candidature di singole persone, slegate da ogni legame di qualsiasi tipo col centrodestra brindisino –ed anzi verrebbe da dire che alcuni di costoro, semmai li si volesse collocare, andrebbero ascritti a quell’aria libertina e laicista che, da sempre, flirta cogli eredi del Partito Comunista- non c’entrano davvero nulla di nulla col centrodestra e men che meno col Pdl. E qui chiudo la quaestio attorno a questa palese inesattezza.Punto).

Mi spiego meglio: poiché, si sa, in campagna elettorale –specie i candidati in grosse difficoltà di immagine e di consenso- si usa denigrare l’avversario. Il Pci, credo fu Gramsci a farlo, addirittura teorizzò la menzogna come strategia politica ed il sardo è stato preso alla lettera: è risaputo che la demonizzazione dell’avversario politico è il tratto distintivo della sinistra, dal Pci ad oggi. Ebbene io vorrei preventivamente evitare che il centrodestra –e Mauro D’Attis in primis- possa essere attaccato (fra i tanti strali, di inchiostro e di silicio,  che sicuramente dovrà sorbirsi ) perché “sostenuto persino da quello strano blogger”. Non ho manie di protagonismo (né collaterali sindromi di persecuzione) ma so bene di essere non solo conosciuto in città ma anche abbastanza odiato (e, credetemi: dovevo arrivare a questa età per sentire sulla mia pelle gli effetti dell’odio altrui, una cosa orribile e tristissima che non auguro a nessuno, davvero) e quindi non voglio minimamente offrire l’assist a possibili critiche pretestuose del tipo che credo d’aver ben esemplificato.

Sono un cittadino. Prendetevela con me, se proprio volete. Ma, nell’agone politico, misuratevi con le idee, le opere e la progettualità del centrodestra, e del Pdl e di Mauro D’Attis: io sono solo un semplice blogger che, ripeto, come cittadino ho le mie idee che non celo e che or ora vi ho ribadito.

Spero d’esser stato chiaro e di non ricevere ulteriori attacchi, aggressioni verbali e minacce: riguardo queste ultime, come ben sanno gli interessati, non ho mai indugiato a denunciare immediatamente e pubblicamente l’accaduto.

(tratto da “Cronache Brindisine”, http://cronachebrindisine.myblog.it/ )

Un vecchio comunista (ma lui preciserebbe: “io sono sempre stato un socialista, chiaro? So-cia-lista! E se qualcuno osasse contraddirlo, come fece Sallusti con D’Alema, e gli ricordasse la verità, lui come l’ateo baffino risponderebbe con la medesima eleganza e cioè “vada a farsi sfottere!” con gli occhi da matto ed il tono da riunione del PCI del 56) ha finito di pontificare a manca e mò, come tutti i pensionati che non sanno stare belli, sereni, fermi, guarda altrove.

Già: il richiamo della foresta, i vecchi (vecchi?) nemici d’un tempo, beata gioventù…Ed eccoti mister simpatia scrivere peste e corna dell’altro versante. Anzitutto una personale e sentita solidarietà al collega Fabrizio Caianiello che ha fatto uno scoop –finalmente uno vero- ed ha detto a tutti noi (me compreso) quella che potrebbe essere la candidatura del PDL alla carica di Sindaco di Brindisi. Caianiello, ieri sera, prima di tutti, ha reso pubblico che l’ematologo Giovanni Quarta potrebbe essere, appunto, il candidato a succedere a Mennitti (impensabile che la città possa scegliere diversamente: la strada è già tracciata e la strada è quella). E lo ha fatto dal suo “Brindisi Magazine” che è una new entry nel panorama della informazione locale ma che merita il massimo rispetto e non saccenza e supponenza. Ebbene, nel riferire questa “voce” , si parla genericamente e con altezzoso disprezzo -tipico di chi certe persone neppure le reputa alla altezza d’esser menzionate- di una voce uscita da qualche parte.

Con certe persone verrebbe da essere volgari ma non va bene ed allora andiamo oltre. E torniamo al nostro anziano alle prese col vecchio nemico. I fascisti, lascia intendere, stan facendo così e colà, e poi quei due vecchi cattolici non me la contano giusta e bla bla con chili di inesattezze ( e vabbè, non è mai stato da Premio Pulitzer, è noto) e fendenti dati a destra ed a manca, anzi solo a destra stavolta. Ora, uno si chiede: ma dove deve cercare un cittadino –serio, sincero, onesto- una corretta informazione politica e sulle vicende che coinvolgono l’intera città che s’appresta ad un passo decisivo (la scelta dei propri rappresentanti nella Amministrazione) ? Mah, domanda da un milione di dollari. Io due nomi ve li darei, ma non ora. Per ora me li tengo per me. Ed un consiglio: fermati un poco. Memento mori.

Bene. E’ partita la corsa, ufficialmente intendo. E parallelamente è cominciata pure la pratica dello sport preferito dai brindisino (veramente da molti italiani: ma nel centro adriatico pare esserci una attitudine particolarissima a questa pratica non proprio dignitosissima. Scienziati della nasa da anni cercano di studiare il fenomeno e comprendere i motivi della ampia diffusionImmag125.jpge qui da noi): ora c’è pure la possibilità di mettere il proprio slurp nero su bianco. Oddio, veramente si tratta di silicio o giu di lì però sempre manent  (salvo ripensamenti e…clic). Se voleva essere un primo test mi sento di dire che è fallito: Brindisi non è Roma o Palermo ma neppure mungivacca o spongano e ci vogliono le 5 cifre (cinque: 1, 2, 3, 4 e 5 cifre). Uno dice: “eh, cavoli: aspetta, no? Ora vedrai”. Si, si. Certo, e chi ha fretta? Anzi: è il piu grande spettacolo e siccome non amo il cinema né la televisione, al palazzetto oramai è impossibile entrarci se non sei abbonato da almeno tre anni, il campo è meglio non frequentarlo di sti tempi, insomma è l’unico sbariatiempu. (quando poi vedremo i primi santini allora saremo proprio a posto).E sarà lunga, eh. Saranno contenti i ragazzini delle scuole che avranno le loro aule impegnate dai solerti funzionari –scusate se ogni tanto mi fermo: è che vado a vedere se è lievitato il pallottoliere(ma il pallottoliere lievita? Eh eh eh) ed  invece niente: piu dura, molto piu dura del previsto.

Verrebbe da usare quel proverbio un po’ scemo ed un po’ inflazionato (quello della bicicletta e del pedalare) ma non è il caso: ci attendono giorni di puro spasso e dobbiam tenerci strette le battute e non sciuparle così , come diceva totò in quel film che lui era nobile e si chiamava barone zazzà.

PS: ho dato l’ultimo sguardo e…sempri quiddi sontu li numbiri.

ungheria,dittatura,comunismo,costituzione,ue,burocrati senza mandato,cristianofobia,libertà,dittatura comunista,stalin,pci, PAESE MAGIAROMentre i media -ostaggio dei poteri forti, gli stessi che han vietato la introduzione delle radici cristiane dell’europa e che han defenestrano Rocco Butiglione sol perchè osò parlare di “peccato”- proseguono ostinatamente nella demonizzazione del libero Stato della Ungheria (che, ricordiamo en passant, non è una republica delle banane comandata da un tiranno capriccioso ma una solida democrazia con un Governo eletto dai cittadini magiari) noi proprio non riusciamo a starcene buoni e zitti: finchè avrò voce non potrò non “gridare” che quella in atto in queste settimane è, appunto, una demonizzazione orchestrata ad arte contro l’Ungheria. Anche la esagerata enfasi date a quattro teppisti -ubriachi di birra e di sesso- che nei media di regime (di “lorsignori” direbbe Padre Livio) diventano una immensa e pacifica omìnda di cittadini che contestano il “dittatore fascista” Orban Viktor. E’ insopportabile questa deformazione della realtà. Siamo stufi di queste lobby sporcaccione -ricordate Heider cosa disse?- che vogliono imporre la loro dittatura -quella si- del relativismo e del “libero pensiero” (che, come è noto, è figlio del luciferino fomite rivoluzionario parigino del ‘700) e sfigurare l’europa cristiana.

E, a tall’uopo, riportiamo un bell’articolo tratto da un giornale -la “Bussola Quotidiana”- che resta uno dei pochi ad avere il coraggio di dire la verità anche se scomoda. Non sciroppatevi la versione che forniranno in questi giorni: in Ungheria non esiste nessuna dittatura (e men che meno “fascista) ma anzi vi è un coraggioso Governo. Coraggioso perchè ha saputo opporsi alla tirannide del conformismo e del “pensiero unico” e si è data una Costituzione. O qualcuno vuole fosse rimasta  legata al vergognoso statuto comunista che la Russia gli impose? Gli ungheresi hanno la libertà nel sangue. Anche se nel 56 i comunisti nostrani (vi vien in mente qualcuno di quelli ancora oggi viventi?) ritenevano che a Budapest fosse in atto una vergognosa rivolta fascista e reazionaria contro baffone. Ah, la ostinata voglia di mentire sempre. L’ho scritto di recente e lo ripeto: maledetto comunismo, ateo e liberticida.

cosimo de matteis

Napolitano[1].jpg

Dei 23 paesi dell’Europa post-comunista (quella che va da Praga al Kazakistan) l’Ungheria è cronologicamente l’ultimo che ha deciso di darsi una nuova costituzione, che entrerà in vigore lunedì dopo che il capo dello Stato Pál Schmitt l’avrà controfirmata. Ma anziché rallegrarsi per l’uscita di scena dell’ultima costituzione stalinista d’Europa, entrata in vigore nel 1949 sotto il governo di Matyas Rakosi, “il miglior discepolo ungherese di Stalin”, come usava definirsi, l’uomo che fece incarcerare 100 mila oppositori politici (fra i quali il cardinale József Mindszenty condannato all’ergastolo) e giustiziarne 2 mila, politici, giornalisti ed osservatori europei e non solo stanno facendo a gara nell’accusare il nuovo testo, approvato da una maggioranza schiacciante di parlamentari (262 voti a favore e 44 contari, più una sessantina che hanno abbandonato l’aula al momento del voto), delle peggiori nefandezze.

Autoritarismo, sciovinismo, omofobia, fondamentalismo religioso, intolleranza, discriminazione, estraneità ai valori europei: non c’è insulto politico che non sia stato affibbiato al nuovo testo e alle forze politiche che l’hanno prodotto: il partito Fidesz del premier Viktor Orban e  il Kdnp (Partito popolare cristiano-democratico), che in coalizione hanno conquistato i due terzi dei seggi. Caratteristica della maggioranza dei critici della nuova costituzione è però quella di affermare che l’Europa si trova davanti a una costituzione «varata e progettata da un solo partito di nome Fidesz» (Giorgio Pressburger sul Corriere della Sera del 20 aprile), una palese falsità che fa subito nascere sospetti sulle reali intenzioni di questi critici.

A fianco infatti di alcune critiche che un minimo di fondamento ce l’hanno, si innalza una montagna di accuse terribili ma pretestuose che sembra essere stata scatenata da puro odio ideologico per il fatto che la costituzione esalta l’identità nazionale ungherese e mette in evidenza le sue radici cristiane: due temi che vanno di traverso alle élites intente a produrre un’Europa senza radici e senza identità, fondata sul relativismo etico e culturale che permetta alle burocrazie politiche di Bruxelles e ai potentati finanziari di tutto il continente di dominare incontrastati.

La nuova costituzione abbassa l’età del pensionamento dei giudici da 70 a 62 anni, stabilisce che le Leggi cardinali che potranno essere approvate dal parlamento su alcune materie potranno essere modificate solo con maggioranze dei due terzi, prolunga i termini di alcune nomine, come quella del Procuratore generale o del Presidente del consiglio fiscale, riduce i poteri della Corte costituzionale sottraendogli i giudizi su materie finanziarie e fiscali. Chiari indizi di una maggioranza politica che vuole lasciare la propria impronta sulle istituzioni. Sta di fatto che la “rivoluzione costituzionale” era stata un cavallo di battaglia della coalizione Fidesz-Kdnp durante la campagna elettorale, e che i socialisti avevano ammonito l’elettorato che Orban, se vincitore, avrebbe fatto seguire i fatti alle parole. Dunque gli ungheresi hanno consegnato i due terzi del parlamento alla coalizione di centrodestra in piena coscienza: le leggi modificabili d’ora in poi solo con maggioranze qualificate sono il prodotto di un parlamento che per l’appunto le sta votando con maggioranza qualificata. Quanto ai poteri della Corte costituzionale, torneranno pieni quando il disavanzo pubblico, che attualmente è pari all’80 per cento del Pil, scenderà sotto il 50 per cento: una disposizione costituzionale che attirerà sull’Ungheria investimenti e investitori.

Poi ci sono tutte le accuse pretestuose. Secondo il Corriere della Sera, «la costituzione abolisce il nome di Repubblica Ungherese e conferisce quello di Paese Magiaro (Magyarorszag). Questo forse per ammonire certe minoranze tra le quali zingari ed ebrei?». Peccato che Magiaro e Ungherese siano la stessa cosa: infatti il nome abolito era Magyar Köztársaság. Quanto alle minoranze, nel preambolo della nuova costituzione si legge: «Consideriamo le nazionalità e i gruppi etnici che vivono in Ungheria parti costituenti della nazione Ungherese». Poi l’articolo H protegge le lingue delle minoranze etniche nel paese, l’articolo XIV dettaglia che nessuno può essere discriminato per la razza, il colore, ecc.

Sempre secondo il Corriere della Sera (un altro articolo), e secondo Amnesty International, i socialisti e i liberaldemocratici dell’Europarlamento, la nuova costituzione ungherese mette in pericolo il diritto delle donne all’aborto legale, perché in essa sta scritto: «La vita del feto sarà protetta dal momento del concepimento». Magari. In realtà si tratta quasi della stessa frase contenuta nella legge che regola l’interruzione delle gravidanze in Ungheria, in base alla quale dal 1953 ad oggi sono stati effettuati milioni di aborti: «La vita del feto dovrà essere rispettata e protetta dal momento del concepimento». Quella ungherese non è l’unica legge abortista nell’Europa dell’Est a contenere un articolo che serve solo da foglia di fico, col quale lo Stato si mette a posto la coscienza dichiarando che farà qualcosa per prevenire il ricorso all’aborto legale. Francamente preoccuparsi per la restrizione del diritto all’aborto in un paese dove le interruzioni di gravidanza equivalgono a quasi il 50 per cento delle nascite (attualmente 40 mila aborti procurati all’anno contro 90 mila nascite) suona sinistro.

Discorso simile sulla presunta “omofobia” della Costituzione: solo perché c’è scritto che «l’Ungheria proteggerà l’istituzione del matrimonio inteso come l’unione coniugale di un uomo e di una donna». Budapest, come molti altri paesi europei, dispone di una legge che riconosce le “unioni civili”, comprese quelle fra persone delle stesso sesso. I paesi europei che hanno formalizzato il “matrimonio omosessuale” sono solo sette su 47. Se c’è qualcosa che non va, non è nella costituzione ungherese, ma nella testa di chi formula questa critica.

Molto inchiostro è stato speso sul carattere ultranazionalista della costituzione. Dimenticando (ma guarda che strano) che l’unico partito di estrema destra presente in parlamento, lo Jobbik, ha votato contro. Tutto questo perché nel preambolo sta scritto: «Guidata dalla nozione di una singola nazione ungherese, l’Ungheria sentirà responsabilità per il destino degli ungheresi che vivono fuori dai suoi confini, contribuirà alla sopravvivenza e allo sviluppo delle loro comunità, sosterrà i loro sforzi per preservare la loro identità ungherese e promuoverà la cooperazione fra loro e con l’Ungheria». Peccato che la vecchia costituzione stalinista del 1949, contro la quale nessuno in Europa aveva finora obiettato, dicesse le stesse cose con parole diverse: «La Repubblica d’Ungheria si sentirà responsabile per il destino degli ungheresi che vivono fuori dai suoi confini e promuoverà il rafforzamento dei loro legami con l’Ungheria».

La verità è che tutte queste critiche denigratorie sono la punizione per il fatto che gli ungheresi hanno osato evocare nella nuova costituzione la loro storia cristiana: «Noi siamo orgogliosi del fatto che mille anni fa il nostro re, Santo Stefano, ha fondato lo stato ungherese su solide fondamenta, e reso il nostro paese parte dell’Europa cristiana. […] Riconosciamo il ruolo che il cristianesimo ha svolto nella conservazione della nostra nazione». Un riconoscimento che non va a danno dei credenti di altre religioni o dei non credenti, perché subito dopo il preambolo afferma: «Rispettiamo tutte le tradizioni religiose del nostro paese», e l’articolo VI recita: «Ognuno avrà diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. Questo diritto darà a ciascuno la possibilità di scegliere liberamente o cambiare la propria religione o convinzione, a manifestarla o ad astenersi dal manifestarla, a praticare o insegnare la propria religione o credo attraverso atti e cerimonie religiosi, o in qualunque altro modo». Non sembra fondamentalismo cristiano. Ma pretendere un po’ di informazione obiettiva e completa su argomenti come questi, nell’Europa d’oggi è diventato difficile.

Rodolfo Casadei

Dalla “Bussola Quotidiana”, 22 Aprile 2011.

Titolo originale “Se il “CorSera” scatena l’odio contro l’Ungheria”


 

Domenico Mennitti Sindaco di Brindisi, brindisi, PCI,

Mentre gli organi di informazione -in particolare l’house organ dell’exPCI- non sanno proprio come fare di fronte all’evidente straordinaria mole di lavoro (di qualità!) che la Giunta Comunale sta attuando  e mentre molti di questi saccheggiano a piene mani l’efficientissimo Sito Web del Comune (spacciando per notizie quelle che sono comunicati stampa e relativi allegati tecnici) occorre prendere atto che, fatto salvo quei quattro reduci della fecale ideologia e del loro giornalismo(!)militante, la città ha ben capito dove sta la buona politica e dove invece c’è affarismo, clientelismo e cialtroneria.

Sono spiazzati dal sereno efficientismo di Mauro D’Attis che sta svolgendo al meglio le sue funzioni di Vice Sindaco, pur in assenza -per le note ragioni di salute- dell’Onorevole Domenico Mennitti. E non è un periodo facile: basti pensare alla questione-calcio e le vergognose strumentalizzazioni attuate per “affossare” la Giunta. Ad un certo punto è parso prossimo (o meglio: scambiando i propri desideri con la realtà lo facevano apparire tale) il “tutti a casa” ed già si sentiva il rumoraccio delle grancasse dei pluripregiudicati (grancasse stridule ed assordanti amplificate, a gettone o a cottimo?, dai soliti noti) che proprio non riescono a stare lontani dal potere.

Ed invece.  Ed invece… il Sindaco è ancora qua, eh già ! (facendo il verso a quel libertino drogato, cattivo maestro di generazionei di sbandati). Non sanno come fare: quello lì si inventa politologo e fa una lettura in cui vaticina il futuro ma col segreto (mica tanto segreto) intento di scongiurarlo. Quegli altri (o gli stessi?) cercano di sparare a pallettoni per colpire Sindaco e Premier spacciando per “editoriali di respiro nazionale” quelle che sono le acide invettive di un comunista (che si vergogna di definirsi tale però). Insomma la demonizzazione impazza e tutti sappiamo chi sono i “maestri” di tale “arte” mistificatoria. Ma resteranno con le pive nel sacco. Ed è patetico annunciare la inaugurazione di una struttura di immensa portata per la città come se la vera notizia fosse la presenza fisica del Sindaco: certo, è un fatto che tutti salutiamo con enorme piacere. Ma, ripeto: la notizia è la ennesima grande realizzazione del Sindaco Mennitti. E la vittoria dell buona politica. Ed andiamo avanti. Perchè loro vogliono, disperatamente, tornare indietro.

Certo loro (degni eredi del PCI) erano e sono maestri nelle spartizioni e lottizzazioni: con la corrotta diccì eran pappa e ciccia ed han letteralmente dissanguato il nostro Paese con immensi sperperi di denaro pubblico. Ma ora la notizia è questa: il Segretario Regionale del partito di D’alema, Rosi Bindi e Bersani attacca Nichi Vendola. Ecco quel che dice l’Agenzia Ansa:

”Non sono in discussione le qualità soggettive degli attuali direttori generali; ma è certo, come purtroppo ampiamente risulta dalla storia e dalla cronaca di questi anni che gli attuali direttori generali sono stati nominati sulla base di un consolidato metodo di lottizzazione”.

Lo afferma il segretario regionale pugliese del Pd, Sergio Blasi, il quale chiede di ”rompere definitivamente con il passato e di dare, sul piano politico, una chiara risposta nel segno evidente della discontinuità in cui il merito ed una nuova generazione di manager lavori per una sanità migliore”.

Se uno dovesse infierire potrebbe ipotizzare che la spartizione, forse, è andata male ed allora i piddini non ci stanno. O forse baffino, che mai ha digerito l’ascesa del terlizzese (una volta disse “Lui il nuovo?Ma se me lo ricordo da trentanni dentro il partito”), cerca di far un pò di “sana” demonizzazione verso l’alleato scomodo (e pericolosamente ambizioso!). L’unica cosa buona dei comunisti è questa: litigano sempre fra loro, non sono mai uniti, e si bloccano a vicenda l’un l’altro. Riesce a tenerli uniti (ma solo temporaneamente) l’odio comune verso qualcuno (un politico) o verso una idea .

Hanno coniato questo bizzarro neologismo. Sembra un termine come un altro. Sembra. In realtà -pensateci- è un formidabile strumento linguistico che non serve tanto adesso. Servirà. E servirà fra dieci, venti anni. Quando ci sarà da demonizzare qualcuno -ed è inutile che vi dica chi è il maestro nell’usare la demonizzazione come vero e proprio strumento di lotta politica- lo si accuserà di fare berlusconismo. E nei futuri venticinque aprile da qui all’eternità, nei pallosissimi discorsi intrisi di odio e retorica, non ci saranno più i vecchi partigiani arteriosclerotici, ma ci sarà un ottuagenario vendola a gridare come un dannato “io ho lottato tutta la mia vita contro ogni fascismo ed ogni berlusconismo”.b. pensieroso.jpg

Nè solo questo. Nei manuali di storia i nostri nipoti studieranno che i mali del XX secolo furono il nazismo , il fascismo ed il berlusconismo. Ed anzi: forse già ora su Wikapokkia (o come si chiama) qualcuno ha già provveduto ad inserire la voce “berlusconismo”. Quando nei comizi si cercherà l’applauso basterà gridare e dire  “noi abbiamo sconfitto il berlusconismo” e quando nei congressi, fra veleni e stolte femmine delegate, si cercherà la maggioranza per diventare segretario del futuro piddì, basterà dire che “il primo punto del nostro programma politico, anzi: il valore fondante è la Costituzione e l’Antiberlusconismo”. E viene giu il palasport. E magari viene giù davvero.