TOTA PULCRA

Cari figli!

Pregate, pregate, pregate

perché il riflesso della vostra preghiera influisca su tutti coloro che incontrate.

Mettete la Sacra Scrittura in un posto visibile

nelle vostre famiglie

e leggetela perché le parole di pace

scorrano nei vostri cuori.

Prego con voi

e per voi,

figlioli,

perché di giorno in giorno

siate sempre più aperti

alla volontà di Dio.

Grazie per aver risposto alla mia chiamata.

PADRE LIVIO STATUA.pngLa incredibile vicenda accaduta lunedì sera 23 settembre presso la vecchia abitazione di Vicka Ivankovic ha fatto il giro del mondo: si è detto (e si è scritto) che all’interno della casa si sarebbe prodigiosamente illuminata una statua della Madonna. Questo il parere di padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria:  è uno dei massimi conoscitori al mondo degli eventi di Medjugorje. Ascoltiamo quanto egli stesso ha voluto comunicare:

 

Cari amici,
alcuni di voi mi hanno chiesto un parere sulla statua della Madonna di Lourdes, situata nella casa natale di Vicka (ora non più abitata, ma aperta ai visitatori), che al buio emana una luce verdastra dal manto e dalla veste bianca, ma non dal volto e dalla mani (color rosato), dalla fascia blu, dalla corona del rosario e dalla corona sopra il capo ( color giallo).


Non appena ho visto questa figura in internet mi è sembrato qualcosa di banale, senza capo e senza coda. Un artefatto umano e non un segno dal cielo. Che cosa può significare il chiarore notturno di una statua in un posto dove la Regina del Cielo scende viva ogni giorno in mezzo a noi?

Non ci sono forse abbastanza segni del soprannaturale a Medjugorje? Non ci basta il segno della preghiera, delle conversioni, dei sublimi messaggi, del volto dei veggenti in estasi? Tutti segni che portano ad aprire il cuore a Dio.
Ho sentito subito squillare l’allarme dentro di me. Che cosa provocano queste cose se non la curiosità umana e lo sviamento dei fedeli da quell’essenziale che la Madonna ci indica?
Questo fenomeno ha la sua logica spiegazione umana e Dio non voglia che sia un inganno studiato da menti perverse per burlarsi delle apparizioni e dei fedeli che accorrono.


Nei 28 anni che frequento Medjugorje, come fedele della Gospa, ma anche come attento osservatore, ho visto infiniti inganni del demonio in cui molti sono caduti. Hanno abbondato i profittatori e gli speculatori, che hanno cercato di far mercato sulla buona fede del popolo semplice. Stiamo lontani da tutto ciò. Attendiamo con gioia e costanza alla indilazionabile opera della nostra conversione.
Quella meravigliosa Donna che i veggenti contemplano con gli occhi della carne, noi tutti possiamo contemplarla con gli occhi del cuore.


Vostro Padre Livio

***

I MESSAGGI DI MEDJUGORJE

(in ordine cronologico)


Medjugorje. Molto piu del nome di un villaggio croato. Già: credo che in un modo o in un altro un po’ tutti (o quasi) abbiano sentito questo nome. Non è certo intenzione mia e/o di questo Sito voler fornire una descrizione dettagliata di una vicenda delicata e complessa (ma complessivamente meravigliosa!) come è quella delle apparizioni mariane di Medjugorje. Invece si vuol semplicemente dare una notizia: fonti molto certe -provenienti direttamente da Medjugorje, ovviamente- riferiscono che questa sera il veggente Ivan Dragicevic avrà una apparizione “straordinaria” (nel senso che sarà reso pubblico il contenuto di quanto la Madonna vorrà comunicargli)  della Vergine Santa. Come è noto, almeno a chi segue la vicenda oramai ultratrentennale delle vicende medjugorjane, Ivan è uno dei sei veggenti del piccolo villaggio croato -situato però in territorio della Bosnia-Erzegovina- dove appare la Madonna dal 24 giugno del 1981.

Nello specifico Ivan, coniugato con prole -tre figli maschi- ed oggi 47 enne(ne aveva sedici in quel giugno dell’81) è uno dei tre veggenti che ha ancora le apparizioni quotidiane (lo so: difficile comprendere razionalmente tale fenomeno. Ma è così) della Vergine Maria. E fu proprio la Gospa ad ispirargli la formazione di un Gruppo di Preghiera (denominato “Regina della Pace”, tuttora esistente. Per saperne di più: http://medjugorje.altervista.org/doc/ivan//16-storia-del-gruppo-di-preghiera-di-Ivan.php).  In merito ai dieci segreti Ivan ne conosce solo nove (al pari delle altre due veggenti – Vicka e Marja-  che hanno ancora apparizioni quotidiane) mentre Mirjana, Ivanka e Jakov -che hanno solo apparizioni periodiche- conoscono tutti e dieci i segreti.

Ad ogni modo per chi si “affacciasse” per la prima volta a Medjugorje consiglio di non affannarsi a cercare notizie (soprattutto su internet ne circolano di non veritiere o addirittura calunniose ed in malafede) e mi sento di dare un semplice consiglio: l’ascolto dell’emittente radiofonica Radio Maria (che è uno dei frutti piu belli di Medjugorje) e, per chi può, la lettura dei numerosi libri dedicati all’argomento da Padre Livio Fanzaga. Per entrambe le cose, pertanto, suggerisco la visita del Sito di Radio Maria dove è anche possibile l’ascolto in streaming delle trasmissioni: www.radiomaria.it

consacrare la citta alla madonnaAvverto, abbastanza nitida, la urgenza di incrementare la PREGHIERA per il nostro Paese. Personalmente, poi, ho un grande desiderio: quello di far CONSACRARE -dalle Autorità Civili e Religiose unitamente- le nostre città alla Vergine Santa. Nel mio piccolo farò di tutto, usando il mio blog, per sollecitare tale santa iniziativa nella mia città. Vi suggerisco, umilmente, di fare analoghe richieste nelle vostre città e paesi. E pazienza se qualcuno dirà che “è roba da medioevo”….

Coraggio, siamo fieri della nostra Fede in Cristo Signore!

Il titolo di questo modestissimo articoletto è pure il nome di un gruppo di facebook. Come si evince il tema è quello della “conversione” o, ancor meglio, delle difficoltà che la persona “convertita” (e vi spiegheremo pure il perchè dell’uso delle virgolette) incontra nel suo cammino. E degli sbagli che, magari in buona fede, può commettere. Nel caso poi di personaggi “famosi”, naturalmente, certi sbagli (pensiamo a certe errate convinzioni) “contagiano” un numero notevolissimo di persone. Vi aspettiamo.

Rispettiamo Brosio ma abbiamo molte perplessità